Collaboration 2

La collaborazione è la chiave del successo. Come il BIM aiuta il raggiungimento degli obiettivi di un progetto.

La collaborazione è la chiave del successo. In questo articolo cercherò di spiegare come il BIM ti può concretamente aiutare al raggiungimento degli obiettivi di un progetto; dalla pianificazione alla gestione.

Parlare di collaborazione e operare realmente in un ambiente collaborativo attraverso l’utilizzo di procedure e processi digitali sono due cose profondamente diverse.

Noi di Lemsys, ideatori di Building in Cloud, ci siamo inspirati fin dall’inizio a questo concetto per sviluppare e rendere disponibile la nostra piattaforma di collaborazione interamente dedicata al settore delle costruzioni.

La premessa essenziale che consente finalmente il salto di qualità necessario alla nostra industria è che oggi la tecnologia è in grado di abilitare strumenti operativi per il pieno coinvolgimento di tutti gli operatori nel processo edilizio e conseguentemente ottenere maggiore produttività complessiva.

Il BIM per assolvere concretamente a questa sfida deve oggi essere considerato un sistema di gestione integrato che consente il controllo dei tempi, dei costi, e della qualità dell’opera da realizzare o da gestire.

Per il settore delle costruzioni, così come avvenuto nella maggior parte dei settori economici,  il Building Information Modeling,  se opportunamente gestito (distaccandosi progressivamente dalla corrente definizione di mero strumento di modellazione parametrica 3D per la gestione di un progetto) è l’opportunità che tutti aspettavamo.

All’interno di un modello BIM possono infatti essere disponibili tutti gli elementi chiave per il successo di un progetto.

Per il corretto coordinamento e svolgimento di attività complesse è fondamentale la disponibilità del “Dato” sicuro, aggiornato e adeguato alla fase specifica del processo edilizio.

La cooperazione, l’altro importante aspetto nella catena di produzione del valore, non può essere alimentata senza un flusso informativo adeguato; la mancanza di cooperazione dovuta prevalentemente ad una inefficiente comunicazione tra le parti, risulta tra le principali cause di insuccesso di un progetto.

Cooperazione e coordinamento sono quindi gli ingredienti essenziali per l’innesco di una vera e piena collaborazione degli operatori coinvolti nel processo edilizio in cui tutti operano per il raggiungimento di obiettivi condivisi accettando il rischio che ne consegue in caso di insuccesso o i conseguenti benefici in caso di successo;

Benefici della collaborazione nei progetti di costruzione.
L’industria delle costruzioni ha storicamente da sempre faticato ad adottare la collaborazione come metodo di lavoro privilegiando, forse per mancanza di cultura o di strumenti adeguati, la segmentazione e il conflitto a pratiche collaborative orientate al raggiungimento di obiettivi condivisi.

Il BIM, inteso quindi come tecnologia abilitante, sempre più nel tempo avrà modo di confermarsi come uno tra gli strumenti decisivi per migliorare la produttività del settore e distribuire agli operatori i benefici attesi.

L’aumento complessivo della produttività di un progetto ottenibile da riduzioni di costi e inefficienze tipiche di processi analogici, consente di ottenere marginalità e vantaggi tangibili a tutti gli operatori e complessivamente all’economia di un’industria che ha necessità di risollevarsi da un periodo molto faticoso che ha causato l’uscita dal mercato di un numero enorme di operatori.

Attenzione però, la collaborazione, per portare benefici deve essere espressione di Leadership sopratutto da parte del del Committente e intesa non come imposizione ma come pratica di lavoro condivisa. Gli obiettivi e i benefici che la collaborazione consente devono infine essere, chiari, accettati, condivisi e misurabili fin dalle fasi iniziali.

Il BIM come metodo collaborativo
La collaborazione tuttavia per esprimere appieno tutto il potenziale, deve andare più in profondità incidendo nell’organizzazione e gestione del progetto: ancora una volta la possibilità offerta dal Building Information Modeling (BIM) risulta di vitale importanza.

Un approccio strutturato al progetto, misurabile e controllabile, basato sulla disponibilità di informazioni sempre aggiornate e condivise, deve prevedere la rimodellazione  di processi e procedure in digitale consentendo a tutti gli operatori coinvolti di comprendere nel quotidiano quali sono le prestazioni attese e al Manager di controllare il corretto svolgimento in termini di rispetto dei tempi, dei costi e qualità attese e di conseguenza provvedere in qualsiasi momento a introdurre i correttivi necessari per riportare il progetto in linea con le aspettative.

Ci sono infine almeno altri due strumenti chiave per il successo del progetto: il BIM Execution Plan, documento che deve contenere in modo chiaro le richieste e le modalità di sviluppo del progetto secondo l’uso di strumenti digitali, e il Common Data Environment che è la “Piazza” digitale in cui le informazioni sono rese disponibili, consultabili e arricchite, a condizioni regolate,per lo svolgimento delle attività previste.

Building in Cloud offre concretamente queste possibilità, gestisce il Team, struttura le informazioni, modella, controlla e gestisce in digitale procedure e processi durante tutto il ciclo di vita dell’opera.

Se vuoi scoprire come tutto questo sia oggi realtà concreta è sufficiente contattarci per ottenere tutte le informazioni e i chiarimenti che ti servono.

Il nostro team di è a tua completa disposizione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *