Sandcastle 3

Il BIM e i processi di costruzione collaborativa

OK, sono d’accordo, il BIM (Building Information Modeling) e i processi di costruzione collaborativa hanno poco a che fare con la costruzione di un castello di sabbia – è evidentemente solo una provocazione per incuriosire il lettore.

sandcastle_3

Sandcastle

Qualche punto in comune però esiste: entrambi sono pensati, progettati e costruiti con scopi precisi.

Il primo ha l’obiettivo di dare sfogo alla nostra fantasia e concederci qualche ora di relax prima che il mare si riprenda quanto ci ha messo a disposizione; il secondo ha l’obiettivo di durare nel tempo e raggiungere obiettivi precisi e definiti: qualità complessiva dell’opera a tempi e costi pianificati.

 

Durante l’esecuzione di un’opera, specie quando devono essere coinvolti molti differenti operatori – progettisti, costruttori, produttori di componenti e gestori/manutentori – ognuno con competenze e ruoli specifici nelle diverse fasi di vita dell’opera da realizzare qualcosa, come spesso accade per i castelli di sabbia, può non andare nel verso desiderato.

In particolare può succedere se non vengono precisati:

  • Gli obiettivi o i mezzi per raggiungerli
  • Poco accurate stime dei costi
  • Ricerca e selezione di professionalità adeguate agli scopi
  • Scarsa qualità dei mezzi di controllo e di monitoraggio delle attività

Lavorare in team collaborativi utilizzando strumenti di informazione codificati e condivisi con programmi di formazione continua e metodologie di continuo miglioramento delle performance – lean construction – favorisce familiarità ai gruppi di lavoro in grado di generare relazioni di lungo termine e infine migliorare complessivamente i risultati in termini di qualità, rispetto dei tempi e dei costi previsti.

I proprietari, i progettisti, i costruttori e i Facility manager nelle loro attività con ruoli e responsabilità ben definite dovrebbero adottare strumenti di comunicazione in grado di definire in modo chiaro e univoco le reciproche aspettative:

  • Quali sono i risultati attesi?
  • come si vogliono raggiungere?
  • in quali tempi?
  • a quali costi?
  • cosa succede nel caso gli obiettivi non vengano raggiunti?
  • cosa succede nel caso gli obiettivi vengano raggiunti?

Tutto quanto sopra descritto evidentemente non può essere lasciato al caso o scritto sul retro di un tovagliolo, utilizzando semplici fogli di calcolo, strumenti di comunicazione inadatti come le email o peggio ancora senza documenti dettagliati che determino le operazioni da svolgere definiti in manuali esecutivi dettagliati come ad esempio il BEP (Bim Execution Plan).

Le modalità collaborative da attivare, non per singole fasi di lavoro ma per tutto l’intero ciclo di vita di un edificio, devono divenire, senza soluzione di continuità una consuetudine all’interno di un team di lavoro un modo di operare condiviso, focalizzato agli obiettivi, concettualizzato e garantito all’interno di un IPD (Integrated Project Delivery).

L’utilizzo di processi collaborazione attiva accresce significativamente la possibilità, a condizione che le informazioni siano fornite e condivise in anticipo, di perseguire risultati positivi, passando dal 2% a oltre il 90% [1] della possibilità di raggiungere gli obiettivi pianificati con il soddisfacimento di tutti gli stakeholder coinvolti nel processo di costruzione.

Building in Cloud è un innovativo servizio, interamente progettato e sviluppato in Italia, per superare il gap di comunicazione all’interno dei processi costruttivi e in grado di ottimizzare il ritorno degli investimenti offerti dalla progettazione BIM.

Building in Cloud fin dall’inizio si è posto la missione di essere partner qualificato di progettisti, costruttori o Faciliy manager, affiancandoli quotidianamente nello svolgimento delle attività di progettazione, costruzione e gestione, mettendo a disposizione un ambiente digitale di collaborazione condiviso CDE  (Common Data Environment).

Unica condizione di accesso è che sia disponibile una connessione internet – il servizio è inoltre accessibile indifferentemente da qualsiasi tipo devices (Pc, Tablet o Smartphone) senza necessità di alcuna installazione semplicemente accedendo al portale www.buildingincloud.net.

Registrandosi al portale è possibile usufruire immediatamente e gratuitamente del servizio per un mese; trascorso il periodo gratuito il servizio può essere facilmente e definitivamente attivato, senza perdita dei dati, con un costo a partire da 9 € al mese per un numero illimitato di utenti contemporanei.

 

Provalo gratuitamente per un mese.

[1] Mc Kinsey Studio

 

 

This Post Has One Comment

  1. Lucile

    I’m extremely pleased to uncover this site. I need to to
    thank you for your time for this wonhderful read!!
    I definitely appreciated every part of it and i also have you saved to
    fav to see new information in your site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *