Background

Anche lo studio di progettazione è sulla nuvola

Anche lo studio di progettazione è sulla nuvola

Come la progettazione Cloud può recuperare efficienza, migliorare la collaborazione interna e esterna e trovare nuove opportunità di business.

Nell’ultimo decennio a causa della profonda crisi del settore delle costruzioni gli studi progettazione stanno vivendo momenti di profonda trasformazione, ma mai come in questo periodo – sotto la spinta della sopravvivenza – il cambiamento si rende necessario.

Un’opportunità per superare questo lungo periodo di crisi del settore immobiliare è rappresentata dalla tecnologia perché oggi essere aggiornati si traduce immediatamente in valore aggiunto e in opportunità di nuovo business.

L’opportunità maggiore in questo momento è rappresentata dal Cloud e dalle applicazioni SaaS (Software as a Service) che ne sfruttano le potenzialità.

Le applicazioni SaaS non solo riducono i costi, ma regalano un vantaggio competitivo in termini di migliore collaborazione interna, migliore relazione con i clienti e migliori decisioni strategiche di impresa.

Il cloud ha vinto e non farà prigionieri!

Il boom del mercato cloud è sotto gli occhi di tutti – crescita del 22,8% su base annua.

Oggi il mercato richiede studi di progettazione più smart, veloci ed efficienti sui canali web e social, perché si può avere il prodotto e il servizio più appetibile del mondo ma se è nascosto tra le pagine di un sito lento e farraginoso o si utilizzano programmi vecchi e non aggiornati la crescita resta un miraggio, così come una maggiore visibilità e il contatto con nuovi mercati potenziali. Insomma, si perdono opportunità di business.

La situazione del Cloud Computing in Europa e in Italia

Secondo il Cloud Dividend Report, redatto dal Centre for Economics and Business Research, i benefici economici forniti dal cloud nei cinque maggiori paesi europei (Germania, Regno Unito, Italia, Francia e Spagna) si possono quantificare in oltre 177,3 miliardi di euro l’anno; 35,1 miliardi per quanto riguarda la sola Italia.

Sempre dal Report emerge che i vantaggi economici indiretti porteranno entro la fine di quest’anno nei cinque Paesi un ulteriore valore aggiunto per 280 miliardi di euro e l’occupazione generata – diretta e indiretta – potrebbe arrivare a oltre 2 milioni di posti di lavoro.

Ed è certamente positivo il risultato rilevato nel 2015 dall’Osservatorio Cloud del Politecnico di Milano, secondo cui già oggi il 30% delle Pmi italiane utilizza servizi cloud ed il 25% li sta valutando.

Vantaggi economici e organizzativi della progettazione Cloud

Il cloud mette a disposizione, a fronte di un canone mensile, servizi e tecnologie che avrebbero altrimenti costi proibitivi per le piccole e medie imprese.

Il cloud computing consente alle Pmi di competere con le aziende di dimensioni maggiori mettendo a disposizione, a fronte di un semplice canone mensile, servizi e tecnologie che avrebbero altrimenti costi proibitivi.

C´è sempre stata una grande disparità fra le risorse IT disponibili per le aziende di piccole dimensioni e quelle alla portata delle grandi organizzazioni.

Noleggiare i servizi, anziché investire per l’acquisto di hardware e software, rende l’IT più abbordabile e consente alle Pmi di essere competitive sul mercato quanto le grandi aziende. Inoltre i servizi IT basati su cloud consentono agli utenti di accedere ai propri dati dovunque ci si trovi, basta avere una connessione internet, con il vantaggio di supportare la mobilità della propria forza lavoro e favorire la collaborazione fra utenti che si trovano fisicamente in luoghi diversi.

Altri vantaggi di un servizio cloud:

  • non sono necessari investimenti in licenze software,
  • gli aggiornamenti sono continui e completamente trasparenti per gli utenti,
  • non sono richieste infrastrutture dedicate nella sede dell’azienda,
  • i servizi sono disponibili on demand e pagati in base alle reali necessità
  • possibilità di aggiungere capacità a mano a mano che crescono le esigenze.
  • Inoltre l’utilizzo di infrastrutture presso i data center consente maggiore continuità nella disponibilità del servizio.

Le informazioni sono sempre disponibili e fruibili in qualsiasi momento e generalmente è possibile operare da qualsiasi dispositivo: desktop, tablet o smartphone, consentendo di operare in mobilità, possibilità che offre opportunità oggi ancora completamente da scoprire.

Meglio investire o pagare quando serve?

La “nuvola” consente di utilizzare la tecnologia informatica desiderata o il relativo software anche solo per il tempo necessario.

Un servizio in cloud computing ha queste caratteristiche: è accessibile tramite un browser, riduce drasticamente l’investimento finanziario iniziale ed è pagato in base al suo utilizzo.

In pratica, i software anziché sui computer e sui server delle aziende sono installati direttamente nei Data Center dei provider e i dati, prima salvati e archiviati sui pc, sono conservati su vari server in rete, giganteschi archivi digitali a cui l’utente può accedere grazie al browser e alle “app”, e si possono consultare tramite diversi dispositivi. Tutto questo viene identificato come Software as a service (SaaS) ossia l’utilizzo di servizi informatici che non necessitano di infrastruttura IT presso l’azienda.

Building in Cloud è la prima soluzione per la nuvola – 100% italiana – interamente dedicata al settore delle costruzioni per ottimizzare il ritorno degli investimenti della progettazione Cloud.

Building in Cloud è un innovativo servizio che permette di gestire, in un’unica piattaforma digitale, tutte le informazioni relative alle fasi del ciclo di vita di un edificio:  Pianificazione – Progettazione – Costruzione – Gestione e manutenzione.

Con questo nuovo servizio Lemsys mette a disposizione di tutti gli operatori del settore edilizio (progettisti, costruttori e proprietari) uno strumento innovativo che consente di ottenere maggiore efficienza e riduzioni di costi durante tutte le fasi di vita di un immobile, dalla sua ideazione alla sua eventuale dismissione.

Building in Cloud funziona infatti indifferentemente con qualsiasi devices (Pc, Tablet o Smartphone) – a condizione che sia disponibile una connessione internet – unitamente ad elevate prestazioni di sicurezza dei dati oltre all’accesso alle informazione differenziato in funzione dei ruoli ritagliati su misura per gruppi di lavoro AEC (Architectural Engineering Costruction).

Building in Cloud è molto di più di un semplice software o applicazione; è un servizio offerto in modalità SaaS (Software As A Service): il cliente sottoscrive il servizio solo per il tempo che gli serve e a costi estremamente vantaggiosi, senza preoccuparsi delle complessità tipiche dei software professionali.

Il servizio è fruibile immediatamente senza necessità di alcuna installazione o di frequentare corsi di formazione; consente di gestire tutte le informazioni di carattere generale di un edificio – dagli spazi in esso contenuti ai dati catastali ai consumi di energia oltre ad essere facilmente localizzato attraverso la sua visualizzazione in Google Map.

Building in Cloud è particolarmente indicato per la gestione integrata degli asset contenuti nell’edificio (arredi impianti, persone ecc.) oltre a disporre di un gestore documentale integrato che mette a disposizione dell’utente tutte le informazioni utili per gestire al meglio il progetto o un edificio  – tutto sempre a portata di mano e senza le tipiche inefficienze di un sistema di archiviazione tradizionale.

Building in Cloud è accessibile online dal sito www.buildingincloud.net :semplicemente registrandosi al portale il cliente può usufruire immediatamente e gratuitamente del servizio per un mese; trascorso il periodo gratuito il servizio può essere facilmente e definitivamente attivato, senza perdita dei dati, con un costo a partire da 9 € al mese per un numero illimitato di utenti contemporanei.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *